Blog | C’è un legame tra il diabete e la malattia parodontale?
15691
post-template-default,single,single-post,postid-15691,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

C’è un legame tra il diabete e la malattia parodontale?

images-1Il diabete è una malattia che impedisce all’organismo di produrre o di utilizzare correttamente l’insulina.
L’insulina è un ormone necessario per trasformazione dello lo zucchero, degli amidi e altri cibi nell’energia indispensabile per la vita di ogni giorno.
Il diabete rappresenta una delle patologie più diffuse al mondo ed è in progressivo aumento per la diffusione di un modello di vita caratterizzato da cattiva alimentazione supercalorica e stress.
Negli Stati Uniti, 20 milioni di bambini e adulti soffrono di diabete, ma circa un terzo ignora di esserne affetto.

Siamo sempre ripetitivi, ma la cura migliore resta sempre la prevenzione!
Oltre ad avere uno stile di vita corretto bisogna prendersi cura dell’igiene orale.
Sì, per quanto possa sembrare strano, c’è un legame tra il diabete e la malattia parodontale!

Sono numerosi gli studi che suggeriscono come la parodontite sia collegata a un peggioramento del controllo glicemico negli individui affetti da diabete.
La correlazione è dovuta al processo infiammatorio tipico della malattia parodontale che, anche se si manifesta a livello locale, ha delle ricadute a livello sistemico, andando a peggiorare l’insulino-resistenza e aprendo le porte anche al diabete.

La massima attenzione è rivolta alla riduzione dei batteri e all’eliminazione del biofilm sia sopra che sotto-gengivale, che si può ottenere mediante la detartrasi mantenendo una buonissima igiene orale domiciliare.

La parodontite in pazienti con diabete non controllato può portare a complicanze non solo nel cavo orale ma anche a livello sistemico!

E’ necessario, oltre alla prevenzione del cavo orale, informare i pazienti sull’importanza dell’alimentazione, della riduzione del peso corporeo e dell’attività fisica: tutti fattori-chiave per un buon controllo glicemico.
Un’alimentazione a basso indice glicemico (IG) e ricca di antiossidanti migliora direttamente sia l’insulino-resistenza che la parodontite, perché agisce in senso antiinfiammatorio.

E’ molto importante effettuare visite periodiche dall’odontoiatra ed igienista dentale per valutare lo stato di salute e per trattare infezioni parodontali riducendone segni e sintomi locali, migliorando il controllo metabolico del paziente.

images

  Vi ricordiamo che la parola chiave è sempre Prevenzione!