Blog | Cos’è il sondaggio parodontale?
15998
post-template-default,single,single-post,postid-15998,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.1,vc_responsive
Parodontale

Cos’è il sondaggio parodontale?

L’esame diagnostico principale per valutare la condizione dei tessuti parodontali e lo stato di salute delle gengive è il sondaggio parodontale.

Serve a verificare la presenza e l’eventuale localizzazione delle tasche parodontali e il loro livello di infiammazione, principali segni clinici della malattia parodontale. Il sondaggio parodontale è patognomonico sia sui denti che sugli impianti.
Questo esame viene eseguito attraverso uno strumento graduato che si chiama sonda parodontale con la quale si misura la profondità del solco gengivale presente attorno a tutto il dente.
In condizioni di salute il solco gengivale misura fino a 3-4mm; dai 5 mm in poi siamo in presenza di una tasca parodontale che può manifestare o meno il sanguinamento al sondaggio, segno evidente del processo infiammatorio.

Attraverso un software dedicato possiamo registrare in una cartella una serie di indici che ci permettono di valutare la condizione generale del cavo orale.

Si rileva oltre alla profondità di tasca, l’indice di placca, l’indice di sanguinamento, le recessioni, il grado di compromissione delle forcazioni e quello di mobilità di ogni elemento.
Il sondaggio è uno degli esami più importanti per valutare e soprattutto monitorare lo stato gengivale, la registrazione di questi valori è fondamentale per poter confrontare nel tempo il mantenimento di una data condizione o valutarne un eventuale peggioramento, identificando in maniera esatta e precisa dove questo è avvenuto e con quale gravità.

#studioreglia #ilnostroimpegnoèlatuasalute #prevenzione #malattiaparodontale