Blog | Come fare diagnosi ortodontica?
15818
post-template-default,single,single-post,postid-15818,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.1,vc_responsive

Come fare diagnosi ortodontica?

E’ di fondamentale importanza effettuare una visita ortodontica per intercettare problemi a carico dell’apparato stomatognatico già in fase di dentatura decidua, perché una valutazione precoce ha lo scopo di individuare l’eventuale problema e di valutarne la sua evoluzione nel tempo.

L’American Association of Orthodontists raccomanda il controllo ortodontico con uno specialista non oltre i 7 anni di età.

L’occlusione posteriore si stabilizza quando i primi molari erompono. In questo periodo, si possono valutare le relazioni anteroposteriori e trasversali dell’occlusione e anche mettere in evidenza il morso inverso o un’instabilità funzionale.

In questa età gli incisivi iniziano ad erompere e si possono intercettare problemi come l’affollamento, abitudini viziate, morsi profondi, morsi aperti e discrepanze tra il mascellare superiore e inferiore.

Una visita precoce e con il corretto timing può portare a significativi benefici nel trattamento o invece rassicurare di aver fatto la cosa giusta al momento giusto ovvero una opportuna diagnosi.

La American Association of Orthodontists non dice di fare una valutazione ortodontica completa a 7 anni, ma di intercettare eventuali problemi in questa età per semplificare le ipotesi terapeutiche.

 

malocclusioni

 

#ilnostroimpegnoèlatuasalute #smile #ortodonzia #prevenzione #studioreglia